Set
27
dom
BASSIANO: BEST WINE @ BASSIANO
Set 27 giorno intero
119682875_1067821656967053_2147908636643938813_o
119942835_1001352490288438_5285865612878064396_o
bassiano-sky-wine
119942987_1068657320216820_4472681524912065666_o

Best Wine – Antiche Bottiglie – Bassiano 2020
sabato 26 e domenica 27 settembre (dalle 17 alle 22.30)
Alla scoperta delle eccellenze enologiche e di un itinerario insolito, tra gli antichi mestieri e la scoperta dei segreti e delle curiosità sull’artigianato storico.
➡️ Info e programma: https://www.facebook.com/events/623972988554526/
⚠️ 
Link tickets: http://www.winefoodpromotion.it/?fbclid=IwAR1x9tS7zvUosrTDcnKj004XxjfXssNmJdFU84fqjIHhQkt2ntcZks55c60

CIVILTA’ LEPINE SEGNI: ARCHEO – DIDATTICA @ Museo Archeologico di Segni
Set 27 giorno intero
bandagraficaeventiciviltalepines-locandina
museo-archeologico-sezze

Il Museo Archeologico del Comune di Segni ha organizzato dei piccoli eventi che a partire dal 6 maggio saranno visibili sui canali social, grazie alla collaborazione di docenti e genitori di tutto l’Istituto Comprensivo di Segni, con l’augurio, soprattutto per i più piccoli, di tornare ad ospitare al più presto le visite delle aree archeologiche, delle sale e dare vita alle creazioni nel laboratorio.

Di seguito il calendario dei piccoli incontri, che saranno pubblicati sui canali social e su You Tube

6 maggio
“Che cos’è l’archeologia? Lo racconta il Museo di Segni”
Lezione introduttiva sul mestiere dell’archeologo e il metodo di ricerca, con una finale introduzione di cosa viene narrato nel Museo Archeologico Comunale di Segni.

12 maggio
“Le pietre dei Ciclopi”
Il sistema costruttivo delle sostruzioni e del circuito murario in opera poligonale, con breve visione delle porte e delle posterule ancora visibili lungo le mura.

13 maggio
“La dea sulla rocca”
L’acropoli della città con il tempio dedicato a Giunone Moneta.

19 maggio
“La vita della città”
Il centro della vita cittadina è il foro con la sua piazza e gli edifici pubblici e il criptoportico.

20 maggio
“L’acqua: cisterne e opus signinum”
Il sistema di approvvigionamento idrico della città e le “cisterne costruite alla maniera signina”

26 maggio
“Un architetto greco a Segni: il ninfeo”
Il ninfeo con la firma dell’architetto Q. Mutius

27 maggio
“Mercati e mercanti a Segni”
L’area archeologica del tempio d’Ercole

3 giugno
“Il marchio di fabbrica: laterizi, tegole e ceramica”
Le attività produttive dell’antica Signia

Dal 15 settembre al 20 ottobre le attività didattiche riguarderanno la città medievale di Segni

bannerino-fondo-eventi-gif
FAI “I luoghi del Cuore” – SEZZE @ Monastero delle Clarisse, Santa Chiara
Set 27 giorno intero

fai-sezze-2020-luoghi-del-cuore-2

Ognuno di noi è emotivamente legato a luoghi unici che rappresentano una parte importante della nostra vita e che vorremmo fossero protetti per sempre. Preparati a votarli e con i Luoghi del Cuore potrai assicurare loro un futuro. Per sempre, per tutti.

scheda2

In stile barocco, è annessa all’omonimo monastero (ora cessato) tanto da avere più una funzione interna che a servizio della popolazione locale. L’interno è modesto e la copertura è a cupola ottagonale. L’altare maggiore non è in asse con la porta d’ingresso, ma con l’interno del monastero. La pala d’altare, del pittore setino Giuseppe Turchi, emigrato in Thailandia per decorare la Reggia di Bankok e sepolto a Singapore, mostra Santa Chiara e San Francesco nell’atto di adorare la Madonna e il Cristo. Il complesso è situato lungo Via Cavour.

whatsapp-image-2020-06-23-at-16-21-01
fai-sezze-2020-12-settembre

Quirino Briganti

Titta Ceccano

Isabella Baratta

Giancarlo Loffarelli

Alberto Scarchilli

Lucia Viglianti

Salvatore Rosella

Rassegna Stampa

radio-luna
Museo Archeologico di Priverno: Giornate Europee del Patrimonio 2020 @ Museo Archeologico di Priverno
Set 27 giorno intero

Imparare per la vita
Nelle tasche dei Romani. Impariamo a conoscere le monete di Privernum
Le Giornate Europee del Patrimonio, promosse dal 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea, si propongono di far conoscere il patrimonio culturale e di incoraggiare la partecipazione per la sua salvaguardia e trasmissione alle future generazioni.
Un appuntamento ormai fisso promosso dal Ministero per i Beni e le Attività culturali per riaffermare la centralità del patrimonio culturale e del suo valore storico, artistico, identitario.
Quest’anno lo slogan prescelto è “Imparare per la vita”, una riflessione sull’importanza del sapere tradizionale trasmesso alla moderna società. i Musei di Priverno partecipano quest’anno con un focus sugli studi che riguardano i materiali rinvenuti negli scavi di Privernum e che permettono un continuo aggiornamento dell’allestimento e della conoscenza. Quest’anno parleremo della ricca collezione numismatica del Museo che presto verrà allestita, dell’uso e della circolazione delle monete, delle ripercussioni sulla vita quotidiana.

monete-priverno

Domenica 27 settembre, durante l’orario di apertura, sarà possibile seguire le fasi della musealizzazione e approfondire alcuni aspetti dei reperti più significativi, come questo obolo di Rhegion, forse giunto nel territorio di Privernum nella bisaccia di un soldato romano che, durante la guerra contro Pirro, aveva partecipato all’assedio della città.
Tutte le attività verranno effettuate nel rispetto della normativa anticovid:
– è obbligatorio l’uso della mascherina per adulti e bambini sopra i 6 anni
– è obbligatorio il rispetto del distanziamento sociale, i partecipanti sono tenuti a disporsi ognuno alla distanza di almeno un metro
– prima di entrare nel Museo verrà rilevata la temperatura.

Info e prenotazioni 0773912306, 3472330723 oppure musarchpriverno@libero.it
Museo Archeologico di Priverno, Piazza Giovanni XXIII Priverno (LT)

Le Giornate del Patrimonio coincidono anche con l’ultimo weekend di settembre per poter visitare il parco Archeologico di Priverno aperto il sabato e la domenica dalle 16.00 alle 19,00 con visite guidate con partenza alle 16.00, 17.00 e 18.00.

SEGNI: Giornate Europee del Patrimonio e del Turismo @ SEGNI
Set 27@09:00–18:30
CORI: Le Giornate Europee del Patrimonio all’Oratorio dell’Annunziata @ CORI
Set 27@19:00–22:00

Le Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days) costituiscono il più partecipato degli eventi culturali in Europa, promosso dal 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea. Lo scopo della manifestazione è far apprezzare e conoscere a tutti i cittadini il patrimonio culturale condiviso e incoraggiare la partecipazione attiva per la sua salvaguardia e trasmissione alle nuove generazioni. Sabato 26 e domenica 27 settembre si celebrano in tutta Italia le Giornate Europee del Patrimonio che nell’edizione 2020 sono ispirate al tema “Imparare per la Vita”.  Visite guidate, iniziative speciali, culturali e di spettacolo, e aperture straordinarie saranno organizzate nei musei e nei luoghi della cultura statali. Il programma messo in campo a Cori dal MIBACT – Direzione Museale del Lazio, dal Direttore del Monumento Prof. Stefano Petrocchi, e dal Complesso Strumentale “FANFARRA ANTIQUA”, con la collaborazione del Comune di Cori e della Pro Loco di Cori, prevede per la serata di sabato 26 settembre 2020 le visite guidate della quattrocentesca CAPPELLA DELLA SANTISSIMA ANNUNZIATA, che saranno dedicate soprattutto al GIUDIZIO UNIVERSALE DEL CICLO DI CORI” e che prenderanno spunto dal libro del Prof. Pio Francesco Pistilli, Università degli Studi “La Sapienza” di Roma, Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo, visite che saranno accompagnate da concerti di 10 minuti di musiche e canti rinascimentali eseguiti dal Complesso Strumentale “Fanfarra Antiqua”, nell’arco di 3 ore, dalle 19:00 alle 22:00, con ingresso GRATUITO. Con inizio rispettivamente alle ore 19:00, 19:30, 20:00, 20:30, 21:00 e 21:30, questi concerti saranno presentati al termine delle visite guidate nell’ambito del progetto “CHIESE, PALAZZI E CASTELLI IN MUSICA” – Soavi melodie, canti, balli, sapori e arti del Rinascimento lungo i cammini dei pellegrini Musica e Canti rinascimentali tra gli splendidi affreschi dell’Annunziata –. La Cappella della Santissima Annunziata di Cori è una chiesetta oratorio completata nei lavori di edificazione dal Comune di Cori alla fine del XV secolo, proclamata monumento nazionale, le cui pareti sono ricoperte di affreschi raffiguranti episodi della vita di Gesù, personaggi dell’Antico Testamento ed il Giudizio Universale. Detta istituzione fu patrocinata da Pedro Fernández De Friás, cardinale castigliano che incaricò un primo gruppo di pitture che furono realizzate da un artista di cultura umbro-romana. Tra il 1426 e la metà del XV sec., altri patrocinatori, tra i quali i cardinali Carrillo De Albornoz e Juan Cervantes contribuirono ad ultimare l’arredamento dell’oratorio in altri tre momenti differenti, questi affreschi furono realizzati da maestranze laziali e toscane, come Pietro Coleberti da Priverno e Masolino da Panicale, quest’ultimo maestro di Masaccio. Il Complesso diretto dal M° Carlo Vittori si esibirà con strumenti e costumi d’epoca in un programma di brani musicali che condurranno gli spettatori mirabilmente nel mondo della Rinascenza. Scopo essenziale del Complesso è quello di andare a riscoprire le musiche rinascimentali, attraverso uno studio attento delle melodie dell’epoca, in particolare quelle eseguite dai menestrelli nelle corti nel tardo Medioevo e nel Rinascimento. I mini concerti proporranno musiche di alcuni tra i maggiori compositori e virtuosi del XVI sec., sia italiani che stranieri: Fabritio Caroso, Giovanni Giacomo Gastoldi,  Pierre Attaignant, Orazio Vecchi, Giulio Caccini, Giorgio Mainerio. Nello spettacolo di Cori il Complesso Strumentale “Fanfarra Antiqua” farà ricorso all’importante collaborazione di maestri di musica antica come Carlo Vittori (spinetta rinascimentale), Carlo Marchionne (flauto), Mauro Salvatori (flauto, gaita), Anna Maria Gentile (viola da gamba), Laura Fabriani (percussioni) e del soprano Roberta Polverini. L’evento è organizzato con il Patrocinio del MIBACT – Direzione Regionale Musei Lazio, della REGIONE LAZIO, dell’ANCI-Lazio, della Fondazione “Roffredo Caetani” di Sermoneta, dei Comuni di Cori, Segni, Cisterna di Latina, Maenza e Arpiro, delle Pro Loco di Cori, Cisterna di Latina e Arpino. Il suono esalterà e favorirà la comprensione degli splendidi affreschi dell’Annunziata, che saranno supportati anche dalle informazioni inserite nella nuova cartellonistica realizzata dal MIBACT – Direzione Regionale Musei Lazio, regalando al visitatore un’esperienza emozionante, immergendolo nel pieno della raffinatissima estetica del Rinascimento lepino. Al termine di ogni concerto sarà offerto un banchetto di pietanze e dolcetti rinascimentali locali preparati dalle Trattorie “Da Checco” e “Da Metardo” di Cori, dal Biscottificio “Martufi e Trifelli”. L’Organizzazione metterà in atto tutte le misure necessarie per il contenimento del COVID-19.

Prenotazione obbligatoria: Pro Loco Cori  06 9678443 – 3489053474.

Set
28
lun
CIVILTA’ LEPINE SEGNI: ARCHEO – DIDATTICA @ Museo Archeologico di Segni
Set 28 giorno intero
bandagraficaeventiciviltalepines-locandina
museo-archeologico-sezze

Il Museo Archeologico del Comune di Segni ha organizzato dei piccoli eventi che a partire dal 6 maggio saranno visibili sui canali social, grazie alla collaborazione di docenti e genitori di tutto l’Istituto Comprensivo di Segni, con l’augurio, soprattutto per i più piccoli, di tornare ad ospitare al più presto le visite delle aree archeologiche, delle sale e dare vita alle creazioni nel laboratorio.

Di seguito il calendario dei piccoli incontri, che saranno pubblicati sui canali social e su You Tube

6 maggio
“Che cos’è l’archeologia? Lo racconta il Museo di Segni”
Lezione introduttiva sul mestiere dell’archeologo e il metodo di ricerca, con una finale introduzione di cosa viene narrato nel Museo Archeologico Comunale di Segni.

12 maggio
“Le pietre dei Ciclopi”
Il sistema costruttivo delle sostruzioni e del circuito murario in opera poligonale, con breve visione delle porte e delle posterule ancora visibili lungo le mura.

13 maggio
“La dea sulla rocca”
L’acropoli della città con il tempio dedicato a Giunone Moneta.

19 maggio
“La vita della città”
Il centro della vita cittadina è il foro con la sua piazza e gli edifici pubblici e il criptoportico.

20 maggio
“L’acqua: cisterne e opus signinum”
Il sistema di approvvigionamento idrico della città e le “cisterne costruite alla maniera signina”

26 maggio
“Un architetto greco a Segni: il ninfeo”
Il ninfeo con la firma dell’architetto Q. Mutius

27 maggio
“Mercati e mercanti a Segni”
L’area archeologica del tempio d’Ercole

3 giugno
“Il marchio di fabbrica: laterizi, tegole e ceramica”
Le attività produttive dell’antica Signia

Dal 15 settembre al 20 ottobre le attività didattiche riguarderanno la città medievale di Segni

bannerino-fondo-eventi-gif
FAI “I luoghi del Cuore” – SEZZE @ Monastero delle Clarisse, Santa Chiara
Set 28 giorno intero

fai-sezze-2020-luoghi-del-cuore-2

Ognuno di noi è emotivamente legato a luoghi unici che rappresentano una parte importante della nostra vita e che vorremmo fossero protetti per sempre. Preparati a votarli e con i Luoghi del Cuore potrai assicurare loro un futuro. Per sempre, per tutti.

scheda2

In stile barocco, è annessa all’omonimo monastero (ora cessato) tanto da avere più una funzione interna che a servizio della popolazione locale. L’interno è modesto e la copertura è a cupola ottagonale. L’altare maggiore non è in asse con la porta d’ingresso, ma con l’interno del monastero. La pala d’altare, del pittore setino Giuseppe Turchi, emigrato in Thailandia per decorare la Reggia di Bankok e sepolto a Singapore, mostra Santa Chiara e San Francesco nell’atto di adorare la Madonna e il Cristo. Il complesso è situato lungo Via Cavour.

whatsapp-image-2020-06-23-at-16-21-01
fai-sezze-2020-12-settembre

Quirino Briganti

Titta Ceccano

Isabella Baratta

Giancarlo Loffarelli

Alberto Scarchilli

Lucia Viglianti

Salvatore Rosella

Rassegna Stampa

radio-luna