copertina-pagina-segni-sito
copertina-pagina-segni-sito
progetto-restyling-sito-segni-cultura-1600x600
progetto-restyling-sito-segni-enogastronomia-1600x600
progetto-restyling-sito-sezze-itinerari-1600x600
progetto-restyling-sito-sezze-video-e-foto-1600x600

Cenni Storici

Sul contrafforte del versante occidentale dei Lepini, che guarda la Valle del Sacco, sorge la cittadina di Segni.
Interessanti le preesistenze preistoriche. A causa della sua importanza strategica verso il basso Lazio, sotto Re Tarquinio il Superbo i Romani vi dedussero la colonia di Signia ( nel secolo VI a.C.), per cui si fregiò del titolo di “prima colonia romanorum”.
Al periodo romano risalgono le poderose mura poligonali, che recingono l’acropoli fino a culminare con un tempio dedicato alla triade capitolina romana.Segni legò molte delle sue vicende storiche a Roma, sia durante le guerre puniche che durante le lotte tra Mario e Silla, parteggiando per il primo e diventando per tre anni colonia militare.
In epoca cristiana risulta essere stata sede episcopale fin dall’anno 499 e nell’anno 657 verrà eletto al soglio pontificio il segnino Papa Vitiliano, promotore della cultura latino – cristiana in Gran Bretagna.

cattedrales-m-assunta
corso-vittorio-emanuele
via-g-marconi
monumento-ai-caduti

Durante il periodo medievale, segni passò sotto le dipendenze dei Canonici Lateranensi e quindi dei Conti di Segni. Notevoli i castelli intorno che la resero una città forte con un vasto territorio fino alla Valle del Sacco. Durante il pontificato itinerante Segni fu spesso sede papale sotto i pontefici Eugenio III, Lucio III, Alessandro III, il quale durante il suo soggiorno nella cittadina lepina canonizzò il martire inglese Tomas Beckett, arcivescovo di Canterbury ( anno 1173).
Durante la Guerra di Campagna tra Paolo IV e Filippo II re di Spagna, spagnoli e lanzichenecchi misero a ferro e fuoco la cittadina derubandola e spogliandola anche delle cose più sacre (perfino la teca contenente la testa del patrono, San Bruno da Asti).
Dopo i Conti la signoria passò agli Sforza, ai Bernardini e di nuovo agli Sforza Cesarini. Sotto i vescovi, che ebbero sede fino ai nostri tempi ( recentemente la diocesi di Segni è stata unita a quella più prestigiosa di Velletri), la cittadina si dotò di opere d’arte e soprattutto di un seminario di studi.
Ne l corso dei secoli Segni ha assunto la fisionomia di tipo medioevale: la sobria eleganza dei vicoli selciati e scoscesi, dei portali delle vecchie case, delle edicole scavate nei muri antichi, le costruzioni di diversi tipi e colori, creano un effetto suggestivo.

Informazioni Generali

Provincia di Roma
Altitudine m 668 – Abitanti 9.375 – Cap 00037
www.comune.segni.rm.it

INDIRIZZI UTILI

  • Comune, Via Umberto I, 99 – tel. 0697262210
  • Biblioteca, Via della Pretura, 1 – tel. 0697262235
  • Museo Archeologico Comunale, Via Lauri, 1 – tel. 0697260072

FESTE SAGRE E MERCATINI

PROSSIMI EVENTI A SEGNI

RISTORAZIONE E RICETTIVITA’

logo mangiare
logo dormire

Segni sulla mappa