lolio-e-le-olive

L’Olio e le Olive

Nei Monti Lepini la coltivazione delle piante di olivo ha una tradizione plurisecolare. Il rinvenimento di alcuni ‘torcular’ è la testimonianza che la lavorazione delle olive veniva praticata già in epoca romana. E’ certa la presenza nell’area di numerosi uliveti e frantoi tra il 1300 e il 1400, con testimonianze nei catasti parrocchiali dell’epoca.

Questo tipo di coltivazione ha segnato l’economia locale e il paesaggio a gradoni. Infatti, la messa a dimora delle piante avviene nei tipici terrazzamenti ricavati nei declini rocciosi dei monti, il cui terriccio indispensabile per farle allignare, è trattenuto dai muri a secco costruiti con pietra calcarea del posto.

Le varietà di ulivi coltivati nella zona sono diversi, soprattutto l’itrana, l’oliarola, il leccino e la frantoiana.

Le olive ottenute vengono preparate e conservate in tanti modi diversi (al fumo, spaccate e condite con aglio ed olio e le classiche olive in salamoia), ma sopratutto lavorate per ottenere un olio giudicato tra i migliori in assoluto per le loro proprietà organolettiche e biochimiche e che ha ottenuto il riconoscimento di olio extravergine di qualità superiore.

L’olio dei Monti Lepini si caratterizza per la delicatezza del gusto, la moderata acidità, il profumo e viene prodotto ancora oggi in frantoi artigianali per spremitura a freddo, in modo da garantirne intatto il valore organolettico e nutritivo.

La coltivazione dell’ulivo sui Monti Lepini avviene soprattutto nei comuni del cosiddetto versante pontino (Sonnino, Priverno, Cori, Rocca Massima, Maenza, Prossedi, Norma e Bassiano), ma è significativa anche a Carpineto, Segni e Montelanico, paesi del versante romano.

SAGRE E MANIFESTAZIONI
Sagra dell’Olio – Norma – Domenica delle Palme
Sagra della Bruschetta – Sonnino – Luglio
Sagra della Bruschetta e dell’Olio – Cori – Seconda domenica del mese di Ottobre